Le linee telefoniche degli uffici ANAAO ER sono momentaneamente fuori servizi per guasto tecnico. Per contattarci: 392 1859891 - 389 9632181

  • Generic selectors
    Exact matches only
    Search in title
    Search in content
    Search in posts
    Search in pages

MEDICI SOTTO ASSEDIO

L’articolo  – pubblicato su un quotidiano –  “Medici sotto assedio” delinea con assoluta fedeltà il clima con il quale tutto il Personale sanitario, in particolare dell’aera di emergenza, sia sul territorio che negli ospedali, vive e lavora e soprattutto subisce quotidiane violenze, più spesso verbali, ma ormai anche fisiche.

In questi giorni i cosiddetti “media” hanno alzato l’attenzione su questo grave problema, che gli operatori, i sindacati, da anni cercano di denunciare.

La violenza sui Sanitari è “figlia” di tanti genitori: il degrado delle aree di emergenza, in particolare dei Pronto Soccorso, il diffuso convincimento che ogni condizioni morbosa possa avere una cura, l’altrettanta diffusa prevenzione nei riguardi dei sanitari, medici ed infermieri.

Il degrado è a suo volta figlio di scellerate scelte di politica sanitaria nazionale e regionale, sulle quali è inutile spendere altre parole: la sanità è un costo, non una risorsa, e bisogna risparmiare. Punto. Viviamo di promesse non mantenute, il degrado è progressivo, inesorabile, sotto gli occhi di tutti.

Riguardo all’atteggiamento degli utenti occorre invece che anche chi ha responsabilità nell’informazione, si faccia un serio, analitico, esame di coscienza. Chi e cosa hanno ingenerato queste aspettative sulla salute? chi ha, da anni, dato troppo risalto, spessissimo senza prove e senza riscontri, ai presunti casi di “malasanità” (già il termine in se è volgare, non mi pare siano stato coniati altrettanti termini come “malapolitica”, “malaeconomia”, “malagiustizia” o “malaistruzione”).

Ho avuto modo di conoscere molti giornalisti in tanti anni di lavoro, come medico e come rappresentante sindacale: mi sono spesso trovato a discutere su quale enfasi, quale taglio dare alle notizie, evitando di cadere nei soliti cliché della “malasanità”, cercando di far capire che al di la dell’errore medico, errore che è impossibile negare esista, ma che solo in caso di palese negligenza, imperizia ed imprudenza rappresenta un colpa individuale, occorre cercare anche le condizioni nelle quali si lavora, dalle risorse umane alle risorse strutturali messe a disposizione.

Processi mediatici a medici ed infermieri, titoli a tutta pagina, nomi e cognomi pubblicati ancor prima ci sia stato un rinvio a giudizio (neanche una condanna almeno in primo grado!), hanno sicuramente contribuito a diffondere questo clima di sfiducia nei confronti di chi esercita la medicina.

Per questo occorre, a mio avviso, che almeno le testate giornalistiche più autorevoli si impongano un codice di comportamento riguardo all’informazione in ambito sanitario, in modo da non generare allarmismi, paure, diffidenze, ma allo stesso tempo usando prudenza per non creare false o esagerate aspettative di cure miracolose.

L’alternanza di articoli dove si passa una volta da eroi e l’altra da assassini non può continuare. Si trovi un equilibrio.

Ricordiamo che chi lavora in emergenza è il primo non solo ad affrontare l’evento medico, ma è anche il primo ad interagire con l’ambiente circostante, parenti, amici ecc. Se il clima è di diffidenza, saranno i primi a pagare le conseguenze. Il Personale dell’emergenza è il più fragile ed il più esposto. Nelle “retrovie”, corsie, ambulatori, ecc, il clima è in parte migliore, c’è più tempo per interagire, spiegare, conoscersi. Ma anche qui progressivamente si assiste al degrado dei rapporti tra utenti e sanitari.

Sulle violenze agli operatori, occorrono, sicuramente, strumenti di punizione più efficaci (non tanto sull’inasprimento di pene che già esistono, quanto nella presenza fisica di tutori della legge), ma soprattutto uno sforzo per ricucire il solco creato tra cittadini e medici.

Dobbiamo essere orgogliosi della nostra Sanità che nonostante gli immensi problemi e le scarsissime risorse, garantisce ancora un livello di welfare, quasi unico nel mondo. Dobbiamo esserne orgogliosi come gli Inglesi, anche loro preoccupati che il loro sistema sanitario, nostro modello per anni, sia in grandi difficoltà: in un servizio della BBC di pochi anni fa, sullo stato di un Pronto Soccorso, si vedevano scene non dissimili da quelle dei nostri Pronto Soccorso, ma alla fine del filmato c’era un paziente che abbracciava un’infermiera. Così come il recente fatto di cronaca dove un padre se la prende con il Primo Ministro Inglese per i tagli imposti al servizio sanitario, che avevano causato problemi per la cura del figlio, ma loda l’operato dei sanitari dell’ospedale.

Noi non vogliamo nè lodi nè fango, vogliamo lavorare sereni.

Sandro Petrolati

Cardiologo presso Ospedale San Camillo di Roma.

Coordinatore Commissione nazionale Emergenza ANAAO Assomed

 

SEDE ANAAO REGIONE EMILIA ROMAGNA

Indirizzo:
Via Milazzo 19, 40121 Bologna (BO)

Telefono:
+39 051 249124

Fax:
+39 051 249181

Email:
segr.emiliaromagna@anaao.it

Posta Elettronica Certificata

Richiesta informazioni

Dichiaro di aver preso visione alla informativa sulla Privacy e acconsento al Trattamento dei Dati - Leggi INFORMATIVA PRIVACY

Segreterie aziendali

PC PR RE MO BO FE RA FC RN

ASL PIACENZA

Segr. Aziendale:
Bologna Giovanni


g.bologna2@ausl.pc.it -
338 9045858

Ref. Dirig. Sanitaria:
Ubiali Alessandro


alessandro.ubiali@ausl.pc.it -
3392719020

Ref. Anaao Giovani:
Ferrarese Diego


diegoferrarese79@gmail.com -
349 3836229

AOSP PARMA

Segr. Aziendale:
Belletti Andrea


abelletti@ao.pr.it -
347 9702534

Ref. Dirig. Sanitaria:
Malpeli Monica


mmalpeli@ausl.pr.it -
347 7741442

Ref. Anaao Giovani:
Lina Daniela


danielalinacardio@gmail.com -
366 6610037

ASL PARMA

Segr. Aziendale:
Casali Lorenzo


lcasali@ausl.pr.it -
335 5895320

Ref. Dirig. Sanitaria:
Bonomini Sabrina


sbonomini@ao.pr.it -
339 6087863

Ref. Anaao Giovani:
Pezzuto Antonio


apezzuto@ausl.pr.it -
347 9541969

ASL REGGIO EMILIA

Segr. Aziendale:
Sangermano Aldo


sangermano.aldo@asmn.re.it -
340 7566592

Ref. Dirig. Sanitaria:
Nicoli Davide


davide.nicoli@ausl.re.it -
339 8680103

Ref. Anaao Giovani:
Romani Gabriele


gabriele_romani@hotmail.it -
334 1099666

Asl Modena

Segr. Aziendale:
Papi Giampaolo


papigiampaolo@hotmail.com -
347 8896941

Ref. Dirig. Sanitaria:
Natali Patrizia


p.natali@ausl.mo.it -
347 4330775

Ref. Anaao Giovani:
Tedeschini Enrico


e.tedeschini@ausl.mo.it -
333 9110222

AZ AUO Policlinico/Baggiovara

Segr. Aziendale:
Ceccherelli Giovanbattista


ceccherelli.gbattista@policlinico.mo.it -
3204237258

Ref. Dirig. Sanitaria:
Miceli Pietro


miceli1487@alice.it -
328 3841097

Ref. Anaao Giovani:
D'Arienzo Matteo


darienzo.matteo@gmail.com -
338 2072016

Asl Bologna

Segr. Aziendale:
Bianchi Davide


d.bianchi@anaao.it -
347 9572466

Ref. Dirig. Sanitaria:
Selva Paola


paola.selva@ausl.bologna.it -
338 3529668

Ref. Anaao Giovani:
Sorrentino Francesco S.


dr.fsorrentino@gmail.com -
339 6273352

AOSP BOLOGNA

Segr. Aziendale:
Farina Gabriele


gabrielefarina79@gmail.com -
333 4021331

Ref. Dirig. Sanitaria:
Ferrari Simona


simona.ferrari@aosp.bo.it -
328 7718865

Ref. Anaao Giovani:
Di Micoli Antonio


antoniodimicoli@gmail.com -
340 3369979

IOR BO

Segr. Aziendale:
Bracci Giovanni


giovanni.bracci@ior.it -
349 1418511

Ref. Dirig. Sanitaria:
Benini Stefania


stefania.benini@ior.it -
338 9578325

Ref. Anaao Giovani:
Del Piccolo Nicolandrea


nicolandrea.delpiccolo@ior.it -
339 4051676

ARPA BOLOGNA

Segr. Aziendale:
Bergamini Cecilia


cbergamini@arpae.it -
+320 0763695

ASL IMOLA

Segr. Aziendale:
Fabrizio Zanotto


f.zanotto@ausl.imola.bo.it -
338 7292420

Ref. Dirig. Sanitaria:
Capucci Antonella


a.capucci@ausl.imola.bo.it -
338 3529668

Ref. Anaao Giovani:
Bernabini Dalila

AOSP FERRARA

Segr. Aziendale:
Trevisani Lucio


tvl@unife.it -
335 5430407

Ref. Dirig. Sanitaria:
Fabbri Sara


sara.fabbri76@ospfe.it -
349 6339498

Ref. Anaao Giovani:
Squerzanti Riccardo


riccardo.squerzanti@gmail.com -
347 3188527

ASL FERRARA 2014-2018

Segr. Aziendale:
Besutti Andrea


andreabesutti@yahoo.it -
349 4032232

Ref. Dirig. Sanitaria:
Buzzoni Adolfo


a.buzzoni@ausl.fe.it -
335 1016426

Ref. Anaao Giovani:
Manganaro Dario


d.manganaro@ausl.fe.it -
320 9723956

ASL ROMAGNA - RAVENNA

Segr. Aziendale:
Vergoni Gilberto


vergonigilberto@gmail.com -
347 1652032

Ref. Dirig. Sanitaria:
Mengozzi Silvia


silvia.mengozzi@auslromagna.it -
335 8316660

Ref. Territoriale e Anaao Giovani
Feletti Francesco


felettimd@gmail.com -
335 1016426

ASL ROMAGNA - Forlì/Cesena

Segr. Aziendale:
Vergoni Gilberto


vergonigilberto@gmail.com -
347 1652032

Ref. Dirig. Sanitaria:
Mengozzi Silvia


silvia.mengozzi@auslromagna.it -
335 8316660

Ref. Territoriale:
Gaudio Michele


mgaudio@ausl.fo.it -
338 6131266

Ref. Anaao Giovani
Feletti Francesco


felettimd@gmail.com -
335 1016426

ASL ROMAGNA - Rimini

Segr. Aziendale:
Vergoni Gilberto


vergonigilberto@gmail.com -
347 1652032

Ref. Territoriale:
Trojani Cristina


ctrojani@auslrn.net -
348 7848347

Ref. Dirig. Sanitaria:
Mengozzi Silvia


silvia.mengozzi@auslromagna.it -
335 8316660

Ref. Anaao Giovani
Feletti Francesco


felettimd@gmail.com -
335 1016426