Gli uffici sono operativi. È indispensabile fissare un appuntamento via mail o telefonicamente prima di accedervi. Qualsiasi avviso può essere inviato all’indirizzo www.anaaoemiliaromagna.it o comunicato al 392 1859891 o al 389 9632181

  • Generic selectors
    Exact matches only
    Search in title
    Search in content
    Search in posts
    Search in pages

NON SI UCCIDONO COSI’ ANCHE I CAVALLI?

NON SI UCCIDONO COSI’ ANCHE I CAVALLI?

Lettera del Segretario Regionale a Quotidiano Sanità

22 GEN  Gentile Direttore,


per chi non lo avesse visto, è un film del secolo scorso nel quale, in piena grande recessione, organizzano una gara di ballo, intesa come gara di resistenza, con in palio una consistente somma di denaro. Vi lascio immaginare la stanchezza prima e lo sfinimento poi dei partecipanti, che mettevano in gioco la loro possibilità di sopravvivenza, dato che in quel periodo, nella ricca America del Nord, si moriva di fame.

Ecco, a distanza di quasi un anno dall’arrivo ufficiale del COVID in Italia (a memoria il 30 gennaio), noi sanitari ci sentiamo come i concorrenti di quella gara: esausti, sfiniti, ma impossibilitati a cedere, perché in gioco ci sono letteralmente le nostre vite e quelle delle persone la cui cura ci è affidata.

Non più sorretti dall’adrenalina dei primi mesi; dalla speranza di uscire dall’incubo e riprenderci le nostre vite, anche professionali; con l’opinione pubblica (anche se non tutta) contro stiamo vivendo con grande pesantezza la nostra quotidianità.

Ci attendono ancora diversi, troppi mesi, di sacrificio e i problemi in campo sono molti, almeno nella nostra realtà regionale, nonostante lo sforzo, spesso anche se non sempre condiviso, di far funzionare al meglio il sistema. Proverò a riassumere per punti:

  • la questione vaccino volume 1: tutta Italia, forse tutta Europa, ma non ne sarei così certa, si trova a fare i conti dopo l’entusiasmo iniziale che ci ha portato a vaccinare quante più persone possibile, in una gara contro il tempo, ma anche forse in una gara di vanità, con il rischio di non riuscire a garantire a tutti la II dose. Complici la scarsa limpidezza dell’operato dei fornitori e qualche errore di troppo di cui ci auguriamo ci si metterà al sicuro per il futuro con una efficace gestione del rischio, la macchina si è arrestata. Non possiamo che confidare nella buona sorte da un lato e nell’onestà e capacità di auto mutuo aiuto delle Regioni per garantire che quanto fino ad ora seminato non vada perduto;
  • la questione vaccino volume 2: quando, e ci auguriamo presto, avremo risolto il problema della fornitura, ci troveremo a fare i conti con la carenza di vaccinatori. Se anche solo per questa prima e limitata esperienza, siamo stati costretti ad operare iso risorse (leggi distogliendo risorse ad una attività per assegnarle ad un’altra), non riesco ad immaginare come affronteremo il grande capitolo della vaccinazione della popolazione generale. Non abbiamo fiducia, ma speriamo di essere smentiti, nella capacità di reclutare ulteriore personale rispetto a quello già carente che, nelle condizioni di stanchezza e sfinimento di cui sopra, tenta di tenere in piedi un sistema che ha rivelato i suoi piedi di argilla;
  • la questione dotazione organica: la famosa copertina che in quanto diminutivo tirata a destra e a manca non arriva a coprire nessuno. Sono state fatte molte assunzioni e molte stabilizzazioni, cifre impressionanti soprattutto se paragonate a quelle del decennio che ci siamo lasciati alle spalle, ma non bastano a colmare le perdite e l’aumentato carico di lavoro. Alcune realtà ambientali e professionali erano e restano in affanno e la situazione sarà aggravata da un evento lieto, ovvero l’accesso alle scuole di specializzazione di molti più giovani colleghi rispetto agli scorsi anni. Ma molti di questi giovani colleghi, negli ultimi anni, lavoravano al nostro fianco, con contratti i più svariati, proprio per sanare le carenze di organico. Insieme a pensionati che bontà loro sono rientrati per un anno al massimo per gestire l’emergenza COVID. Che i concorsi vadano quasi sempre deserti non è un mistero. Soprattutto, ancora una volta, nelle realtà meno appetibili o più disagiate. Che chi è rimasto in servizio sia sempre più vecchio e stanco e sottoposto a stress fino a qualche anno fa inimmaginabili è sotto gli occhi di tutti. E questo ci porta al punto successivo;
  • la questione dell’invecchiamento della popolazione lavorativa: ci stiamo lentamente rompendo, ad uno ad uno, per usura. Non citerò scaramanticamente i “Dieci piccoli indiani”, ma la realtà è purtroppo questa. Anche la legge 81/2008 prevede strumenti di protezione, imponendo ai datori di lavoro di effettuare la valutazione dei rischi considerando alcune caratteristiche individuali dei lavoratori tra le quali l’età, con la finalità di adeguare quanto più possibile il lavoro all’uomo e non viceversa. La valutazione sulla persona diventa centrale rispetto alla valutazione sul rischio.
     
    Come stiamo affrontando la protezione dei più anziani se non riusciamo nemmeno a realizzare obiettivi di minima quali la sospensione dal lavoro notturno e la destinazione ad attività meno usuranti ad esempio in termini di extra-orario o front-office?
     
    Come un cane che si morde la coda, problemi si sommano a problemi, generando un vortice dal quale nessuno si può salvare. Sindacati come il nostro hanno dimostrato negli anni e sul campo capacità propositive e previsionali importanti. Riteniamo sia ora che ci venga dato l’ascolto necessario, che si trovi la forza di superare modelli formativi e di organizzazione del lavoro che hanno dimostrato la loro debolezza e vetustà. Che si rinunci all’idea narcisistica di poter governare l’ingovernabile. Ad oggi o si vince tutti o si perde tutti. Non c’è spazio per posizioni intermedie. E la posta in gioco è la più alta possibile. Ancora una volta, invitiamo chi ha potere decisionale a darci ascolto. Come sempre, noi ci siamo.
     
    Ester Pasetti
    Segretaria Anaao Assomed Emilia Romagna

 

Leggi la lettera su QS_http://www.quotidianosanita.it/emilia_romagna/articolo.php?articolo_id=91778

 

SEDE ANAAO REGIONE EMILIA ROMAGNA

Indirizzo:
Via Milazzo 19, 40121 Bologna (BO)

Telefono:
+39 051 249124

Fax:
+39 051 249181

Email:
segr.emiliaromagna@anaao.it

Posta Elettronica Certificata

Richiesta informazioni

    Dichiaro di aver preso visione alla informativa sulla Privacy e acconsento al Trattamento dei Dati - Leggi INFORMATIVA PRIVACY

    Segreterie aziendali

    PC PR RE MO BO FE RA FC RN

    ASL PIACENZA

    Segr. Aziendale:
    Bologna Giovanni


    g.bologna2@ausl.pc.it -
    338 9045858

    Ref. Dirig. Sanitaria:
    Ubiali Alessandro


    alessandro.ubiali@ausl.pc.it -
    3392719020

    Ref. Anaao Giovani:
    Ferrarese Diego


    diegoferrarese79@gmail.com -
    349 3836229

    AOSP PARMA

    Segr. Aziendale:
    Belletti Andrea


    abelletti@ao.pr.it -
    347 9702534

    Ref. Dirig. Sanitaria:
    Malpeli Monica


    mmalpeli@ausl.pr.it -
    347 7741442

    Ref. Anaao Giovani:
    Lina Daniela


    danielalinacardio@gmail.com -
    366 6610037

    ASL PARMA

    Segr. Aziendale:
    Casali Lorenzo


    lcasali@ausl.pr.it -
    335 5895320

    Ref. Dirig. Sanitaria:
    Bonomini Sabrina


    sbonomini@ao.pr.it -
    339 6087863

    Ref. Anaao Giovani:
    Pezzuto Antonio


    apezzuto@ausl.pr.it -
    347 9541969

    ASL REGGIO EMILIA

    Segr. Aziendale:
    Sangermano Aldo


    sangermano.aldo@asmn.re.it -
    340 7566592

    Ref. Dirig. Sanitaria:
    Nicoli Davide


    davide.nicoli@ausl.re.it -
    339 8680103

    Ref. Anaao Giovani:
    Romani Gabriele


    gabriele_romani@hotmail.it -
    334 1099666

    Asl Modena

    Segr. Aziendale:
    Papi Giampaolo


    papigiampaolo@hotmail.com -
    347 8896941

    Ref. Dirig. Sanitaria:
    Natali Patrizia


    p.natali@ausl.mo.it -
    347 4330775

    Ref. Anaao Giovani:
    Tedeschini Enrico


    e.tedeschini@ausl.mo.it -
    333 9110222

    AZ AUO Policlinico/Baggiovara

    Segr. Aziendale:
    Ceccherelli Giovanbattista


    ceccherelli.gbattista@policlinico.mo.it -
    3204237258

    Ref. Dirig. Sanitaria:
    Miceli Pietro


    miceli1487@alice.it -
    328 3841097

    Ref. Anaao Giovani:
    D'Arienzo Matteo


    darienzo.matteo@gmail.com -
    338 2072016

    Asl Bologna

    Segr. Aziendale:
    Bianchi Davide


    d.bianchi@anaao.it -
    347 9572466

    Ref. Dirig. Sanitaria:
    Selva Paola


    paola.selva@ausl.bologna.it -
    338 3529668

    Ref. Anaao Giovani:
    Sorrentino Francesco S.


    dr.fsorrentino@gmail.com -
    339 6273352

    AOSP BOLOGNA

    Segr. Aziendale:
    Farina Gabriele


    gabrielefarina79@gmail.com -
    333 4021331

    Ref. Dirig. Sanitaria:
    Ferrari Simona


    simona.ferrari@aosp.bo.it -
    328 7718865

    Ref. Anaao Giovani:
    Di Micoli Antonio


    antoniodimicoli@gmail.com -
    340 3369979

    IOR BO

    Segr. Aziendale:
    Bracci Giovanni


    giovanni.bracci@ior.it -
    349 1418511

    Ref. Dirig. Sanitaria:
    Benini Stefania


    stefania.benini@ior.it -
    338 9578325

    Ref. Anaao Giovani:
    Del Piccolo Nicolandrea


    nicolandrea.delpiccolo@ior.it -
    339 4051676

    ARPA BOLOGNA

    Segr. Aziendale:
    Bergamini Cecilia


    cbergamini@arpae.it -
    +320 0763695

    ASL IMOLA

    Segr. Aziendale:
    Fabrizio Zanotto


    f.zanotto@ausl.imola.bo.it -
    338 7292420

    Ref. Dirig. Sanitaria:
    Capucci Antonella


    a.capucci@ausl.imola.bo.it -
    338 3529668

    Ref. Anaao Giovani:
    Bernabini Dalila

    AOSP FERRARA

    Segr. Aziendale:
    Trevisani Lucio


    tvl@unife.it -
    335 5430407

    Ref. Dirig. Sanitaria:
    Fabbri Sara


    sara.fabbri76@ospfe.it -
    349 6339498

    Ref. Anaao Giovani:
    Squerzanti Riccardo


    riccardo.squerzanti@gmail.com -
    347 3188527

    ASL FERRARA 2014-2018

    Segr. Aziendale:
    Besutti Andrea


    andreabesutti@yahoo.it -
    349 4032232

    Ref. Anaao Giovani:
    Manganaro Dario


    d.manganaro@ausl.fe.it -
    320 9723956

    ASL ROMAGNA - RAVENNA

    Segr. Aziendale:
    Vergoni Gilberto


    vergonigilberto@gmail.com -
    347 1652032

    Ref. Dirig. Sanitaria:
    Mengozzi Silvia


    silvia.mengozzi@auslromagna.it -
    335 8316660

    Ref. Territoriale e Anaao Giovani
    Feletti Francesco


    felettimd@gmail.com -
    335 1016426

    ASL ROMAGNA - Forlì/Cesena

    Segr. Aziendale:
    Vergoni Gilberto


    vergonigilberto@gmail.com -
    347 1652032

    Ref. Dirig. Sanitaria:
    Mengozzi Silvia


    silvia.mengozzi@auslromagna.it -
    335 8316660

    Ref. Territoriale:
    Gaudio Michele


    mgaudio@ausl.fo.it -
    338 6131266

    Ref. Anaao Giovani
    Feletti Francesco


    felettimd@gmail.com -
    335 1016426

    ASL ROMAGNA - Rimini

    Segr. Aziendale:
    Vergoni Gilberto


    vergonigilberto@gmail.com -
    347 1652032

    Ref. Territoriale:
    Trojani Cristina


    ctrojani@auslrn.net -
    348 7848347

    Ref. Dirig. Sanitaria:
    Mengozzi Silvia


    silvia.mengozzi@auslromagna.it -
    335 8316660

    Ref. Anaao Giovani
    Feletti Francesco


    felettimd@gmail.com -
    335 1016426