• Generic selectors
    Exact matches only
    Search in title
    Search in content
    Search in posts
    Search in pages

LA DOMANDA DI RISCATTO DI LAUREA DECADE DOPO 10 ANNI

Cassazione:

la domanda di riscatto della laurea decade dopo 10 anni

di Claudio Testuzza

Spesso, e soprattutto in passato, alla domanda del riscatto degli anni di laurea e/o di studio l’ente previdenziale rispondeva con la richiesta dell’onere da versare, in forma unica o rateale, anche con molti anni di distanza.

In effetti questa condizione rappresentava, ed ancora rappresenta, un vantaggio per il richiedente, in quanto il valore del riscatto ha, fra le varie variabili usate per il suo calcolo, la così detta riserva matematica, anche il riferimento all’importo dello stipendio al momento della domanda stessa.

Questa condizione ha fatto si che molti richiedenti abbiano tralasciato di sollecitare l’istituto pensionistico di procedere alla sua determinazione potendo con la dilazione temporale pagare importi più ridotti e più favorevoli anche grazie all’inflazione monetaria intercorsa fra la domanda del riscatto e la richiesta del suo onere.

Ma è, invece, opportuno ricordare che anche per il diritto al riscatto esiste una decadenza decennale. Lo ha stabilito in un recente passato la stessa Corte di Cassazione secondo cui si decade dal diritto al riscatto della laurea dopo 10 anni dalla domanda amministrativa.

Con la sentenza n. 20924/2018 la Cassazione ha precisato che il diritto al riscatto della laurea ai fini pensionistici decade decorsi 10 anni dalla domanda amministrativa, come previsto dall’art. 47 del D.P.R n. 639/1970 sulla revisione degli ordinamenti pensionistici.

Così, nel giudizio di legittimità instaurato presso la Corte di Cassazione, la contestazione dell’Inps è stata accolta nei confronti di un soggetto che aveva depositato il ricorso giudiziario a distanza di ben 26 anni dall’istanza amministrativa.

Il Tribunale di Roma aveva dichiarato inammissibile la domanda avanzata dall’interessato tesa al riscatto degli anni del corso di laurea, poiché decaduto dall’esercizio di questo diritto, ai sensi dell’art. 47 D.P.R n. 639/1970, avendo depositato il ricorso giudiziario a distanza di 26 anni dall’istanza amministrativa del 1983.

Il soccombente ricorse, quindi, in appello e la Corte di Roma, in riforma della precedente decisione, invece, condanna l’Inps a comunicare all’appellante l’ammontare della riserva matematica in relazione alla domanda di riscatto del 29.1.1983 e ad assegnargli il termine per l’adempimento.

La Corte di merito ha ritenuto, infatti, che il termine di decadenza decennale previsto dall’art. 47 del D.P.R n. 639/1970 non è applicabile al caso di specie, perché previsto solo per le prestazioni previdenziali.

Non può ritenersi operante neppure il termine di decadenza di 60 giorni previsto dal D.M del 19.2.1981 visto che l’Inps non ha prodotto la raccomandata con avviso di ricevimento contenente la comunicazione del provvedimento di accoglimento dell’istanza di riscatto di cui trattasi pertanto non può ritenersi perfezionato il dies a quo per il computo di questo termine di decadenza.

L’Inps a questo punto ricorre in Cassazione poiché ritiene che:
la decadenza prevista dall’art 47 del D.P.R n. 639 del 30/04/1970 sia applicabile anche al riscatto della laurea in quanto prestazione previdenziale e che a controparte sia eccepibile altresì il termine di decadenza di sessanta giorni, visto che l’accoglimento della richiesta era stata debitamente comunicato.

La Cassazione, con la sentenza n. 20924/2018 ha accolto entrambi i motivi di ricorso dell’Inps.

In relazione al primo motivo, la Corte ha ribadito che la domanda di riscatto del corso di laurea è da considerarsi a tutti gli effetti una prestazione previdenziale a cui è pertanto applicabile il termine di decadenza previsto dall’art. 47 D.P.R n. 639/1970.

E’, quindi, evidente che nel caso di specie si è verificata la suddetta decadenza, dal momento che, a fronte della domanda amministrativa di riscatto del corso di laurea del 29.1.1983, che non era stata poi definita, l’assicurato propose il ricorso per l’accertamento di tale diritto in sede giurisdizionale solo in data 3.2.2009, cioè notevolmente dopo la scadenza del termine decadenziale di dieci anni previsto dal citato art. 47 del D.P.R n. 639/70.

Per quanto riguarda poi il secondo motivo del ricorso la Suprema Corte ha evidenziato come l’Inps non avesse avuto la necessità di provare l’avvenuta conoscenza (…) della comunicazione con la quale venivano illustrate le modalità di pagamento della somma necessaria ai fini della costituzione della riserva matematica per il richiesto riscatto, atteso che nel ricorso introduttivo del giudizio il medesimo assicurato riferiva di aver rappresentato all’Inps, con lettera del 18.5.1995, di essere venuto a conoscenza del fatto che la sua richiesta era stata accolta e comunicata al suo domicilio, anche se la firma apposta sull’avviso di ricevimento – che aveva potuto consultare presso la sede senza ottenerne copia – non era né sua, né di altro componente del suo nucleo familiare.

Pertanto, ci sembra molto utile ricordare che nel momento in cui si avvia la domanda di ricostruzione di carriera (domanda amministrativa), si hanno poi dieci anni di tempo per l’avvio della pratica, decorsi i quali – stabilisce la Cassazione – il diritto decade.

FONTE: SOLE24ORESANITA’

SEDE ANAAO REGIONE EMILIA ROMAGNA

Indirizzo:
Via Milazzo 19, 40121 Bologna (BO)

Telefono:
+39 051 249124

Fax:
+39 051 249181

Email:
segr.emiliaromagna@anaao.it

Posta Elettronica Certificata

Richiesta informazioni

Dichiaro di aver preso visione alla informativa sulla Privacy e acconsento al Trattamento dei Dati - Leggi INFORMATIVA PRIVACY

Segreterie aziendali

PC PR RE MO BO FE RA FC RN

ASL PIACENZA

Segr. Aziendale:
Bologna Giovanni


g.bologna2@ausl.pc.it -
338 9045858

Ref. Dirig. Sanitaria:
Ubiali Alessandro


alessandro.ubiali@ausl.pc.it -
3392719020

Ref. Anaao Giovani:
Ferrarese Diego


diegoferrarese79@gmail.com -
349 3836229

AOSP PARMA

Segr. Aziendale:
Belletti Andrea


abelletti@ao.pr.it -
347 9702534

Ref. Dirig. Sanitaria:
Malpeli Monica


mmalpeli@ausl.pr.it -
347 7741442

Ref. Anaao Giovani:
Lina Daniela


danielalinacardio@gmail.com -
366 6610037

ASL PARMA

Segr. Aziendale:
Casali Lorenzo


lcasali@ausl.pr.it -
335 5895320

Ref. Dirig. Sanitaria:
Bonomini Sabrina


sbonomini@ao.pr.it -
339 6087863

Ref. Anaao Giovani:
Pezzuto Antonio


apezzuto@ausl.pr.it -
347 9541969

ASL REGGIO EMILIA

Segr. Aziendale:
Sangermano Aldo


sangermano.aldo@asmn.re.it -
340 7566592

Ref. Dirig. Sanitaria:
Nicoli Davide


davide.nicoli@ausl.re.it -
339 8680103

Ref. Anaao Giovani:
Romani Gabriele


gabriele_romani@hotmail.it -
334 1099666

Asl Modena

Segr. Aziendale:
Papi Giampaolo


papigiampaolo@hotmail.com -
347 8896941

Ref. Dirig. Sanitaria:
Natali Patrizia


p.natali@ausl.mo.it -
347 4330775

Ref. Anaao Giovani:
Tedeschini Enrico


e.tedeschini@ausl.mo.it -
333 9110222

AZ AUO Policlinico/Baggiovara

Segr. Aziendale:
Ceccherelli Giovanbattista


ceccherelli.gbattista@policlinico.mo.it -
3204237258

Ref. Dirig. Sanitaria:
Miceli Pietro


miceli1487@alice.it -
328 3841097

Ref. Anaao Giovani:
D'Arienzo Matteo


darienzo.matteo@gmail.com -
338 2072016

Asl Bologna

Segr. Aziendale:
Bianchi Davide


davide.bianchi@ausl.bo.it -
347 9572466

Ref. Dirig. Sanitaria:
Selva Paola


paola.selva@ausl.bologna.it -
338 3529668

Ref. Anaao Giovani:
Sorrentino Francesco S.


dr.fsorrentino@gmail.com -
339 6273352

AOSP BOLOGNA

Segr. Aziendale:
Lopez Antonia


antonia.lopez@aosp.bo.it -
393 5373258

Ref. Dirig. Sanitaria:
Ferrari Simona


simona.ferrari@aosp.bo.it -
328 7718865

Ref. Anaao Giovani:
Farina Gabriele


gabrielefarina79@gmail.com -
333 4027331

IOR BO

Segr. Aziendale:
Bracci Giovanni


giovanni.bracci@ior.it -
349 1418511

Ref. Dirig. Sanitaria:
Benini Stefania


stefania.benini@ior.it -
338 9578325

Ref. Anaao Giovani:
Del Piccolo Nicolandrea


nicolandrea.delpiccolo@ior.it -
339 4051676

ARPA BOLOGNA

Segr. Aziendale:
Bergamini Cecilia


cbergamini@arpae.it -
+320 0763695

ASL IMOLA

Segr. Aziendale:
Fabrizio Zanotto


f.zanotto@ausl.imola.bo.it -
338 7292420

Ref. Dirig. Sanitaria:
Capucci Antonella


a.capucci@ausl.imola.bo.it -
338 3529668

Ref. Anaao Giovani:
Bernabini Dalila

AOSP FERRARA

Segr. Aziendale:
Trevisani Lucio


tvl@unife.it -
335 5430407

Ref. Dirig. Sanitaria:
Fabbri Sara


sara.fabbri76@ospfe.it -
349 6339498

Ref. Anaao Giovani:
Squerzanti Riccardo


riccardo.squerzanti@gmail.com -
347 3188527

ASL FERRARA 2014-2018

Segr. Aziendale:
Besutti Andrea


andreabesutti@yahoo.it -
349 4032232

Ref. Dirig. Sanitaria:
Buzzoni Adolfo


a.buzzoni@ausl.fe.it -
335 1016426

Ref. Anaao Giovani:
Manganaro Dario


d.manganaro@ausl.fe.it -
320 9723956

ASL ROMAGNA - RAVENNA

Segr. Aziendale:
Vergoni Gilberto


gvergoni@libero.it -
347 1652032

Ref. Dirig. Sanitaria:
Mengozzi Silvia


silvia.mengozzi@auslromagna.it -
335 8316660

Ref. Territoriale e Anaao Giovani
Feletti Francesco


felettimd@gmail.com -
335 1016426

ASL ROMAGNA - Forlì/Cesena

Segr. Aziendale:
Vergoni Gilberto


gvergoni@libero.it -
347 1652932

Ref. Dirig. Sanitaria:
Mengozzi Silvia


silvia.mengozzi@auslromagna.it -
335 8316660

Ref. Territoriale:
Gaudio Michele


mgaudio@ausl.fo.it -
338 6131266

Ref. Anaao Giovani
Feletti Francesco


felettimd@gmail.com -
335 1016426

ASL ROMAGNA - Rimini

Segr. Aziendale:
Vergoni Gilberto


gvergoni@libero.it -
347 1652932

Ref. Dirig. Sanitaria:
Trojani Cristina


ctrojani@auslrn.net -
335 1016426

Ref. Dirig. Sanitaria:
Mengozzi Silvia


silvia.mengozzi@auslromagna.it -
335 8316660

Ref. Anaao Giovani
Feletti Francesco


felettimd@gmail.com -
335 1016426